STORE LOCATOR
Cerca un negozio vicino a te!
VAI ALLO STORE LOCATOR
STORE LOCATOR
STORE LOCATOR
Trova il negozio più vicino a te!
  • Geolocalizza la tua posizione
  • Cerca una città
  • Consulta la mappa interattiva
Inserire una città
CERCA
%title%
%address%
tel: %phone%
I NEGOZI PIÙ VICINI:
TUTTI I RISULTATI

Il 22 agosto è stato l’Earth Overshoot Day 2020

L’Earth Overshoot Day 2020 – o giorno del debito ecologico – è stato sabato 22 agosto. In questa data la popolazione dell’intero pianeta ha consumato tutte le risorse terrestri disponibili per il 2020, cominciando a “sovrasfruttare” la nostra terra. Nel 2019 era il 29 luglio.

Il 2020 è stato un anno molto particolare.

Abbiamo visto durante il lockdown forzato dalla pandemia la natura riprendere il suo posto nel mondo, dimostrandoci che basta davvero poco per salvaguardarla.

Tutti noi ricordiamo le immagini delle lepri tornate a correre nei parchi di Milano, dei delfini che hanno fatto capolino nei porti di Trieste e Cagliari e dell’acqua della laguna a Venezia, ritornata limpida e ricca di pesci.

Questi effetti meravigliosi non sono stati l’unico segnale che la terra ha potuto tirare un respiro di sollievo quest’anno.

Infatti, l’Earth Overshoot Day, che fino allo scorso anno cadeva sempre prima nel calendario, nel 2020 è arrivato dopo, il 22 agosto, tre settimane “in ritardo” rispetto al 2019, tornando al livello del 2008.

L’umanità attualmente utilizza il 60% in più delle risorse naturali rispetto a ciò che la Terra può riprodurre durante l’anno. In altre parole, entro la fine del 2020 consumeremo le risorse di 1,6 pianeti, contro l’1,8 del 2019.

Per fare questo calcolo, il Global Footprint Network ha valutato i cambiamenti nelle emissioni di carbonio, nell’abbattimento delle foreste, nella domanda di cibo e altri fattori che potrebbero avere un impatto sull’impronta ecologica dal 1 ° gennaio al 22 agosto. I driver principali sono stati l’impronta di carbonio (ridotta del 14,5% dal 2019) e l’impronta dei prodotti forestali (ridotta dell’8,4% dal 2019).

Di fatto questa emergenza mondiale ha dimostrato che modificando i modelli di consumo è possibile ridurre lo sfruttamento delle risorse naturali, abbattendo così la nostra impronta ecologica.

Anche nel nostro piccolo, possiamo fare la differenza nella corsa contro il tempo per il bene della Terra.

In termini generali, nella quotidianità, possiamo aiutare a riportare l’Earth Overshoot Day a coincidere con la fine dell’anno:

  • optando per le energie rinnovabili in ambito domestico
  • riucendo il consumo di alimenti la cui lavorazione richiede moltissima energia e risorse
  • acquistando prodotti con pack 100% riciclabili
  • dando una seconda vita alle cose, riutilizzandole il più possibile

L’impegno del singolo può far guadagnare all’umanità dei giorni preziosi e anche nel nostro mondo, la stampa, il riutilizzo è possibile.

Due sono le azioni in cui crediamo e nelle quali investiamo tempo, energia e passione:

  • rendere sempre più Re-Use le nostre cartucce, anche grazie al nostro processo di ricarica InkEvolution
  • riutilizzare i nostri ReSpack, ad oggi usati per inscatolare quasi il 100% dei codici inkjet

 

E tu, scegliendo le nostre cartucce e seguendo 10 semplici “buone pratiche”, puoi ridurre i tuoi consumi di stampa e contribuire a un minor spreco di risorse.

Leggi qui: 10 trucchi per una stampa responsabile.

Continua la battaglia contro lo spreco con noi!

Stampa responsabilmente, riportaci le confezioni ReSpack
e aiutaci a compiere un piccolo gesto per il nostro bel pianeta!


 

Se ti è piaciuto questo articolo, potrebbe interessarti anche:

Giornata della Terra: cos’è e come celebrarla?

Re-Foresta anche tu, Pianta nel ReSpack!

Green Friday: più ricariche, meno plastica

Per poter usufruire di tutte le funzionalità del sito è necessario consentire la geolocalizzazione. X